FAQ Project financing per l′illuminazione pubblica


QUESITO 1
Nel documento disciplinare di gara al punto 7.2 “REQUISITI DI CAPACITÀ ECONOMICA E FINANZIARIA” lettere a) e b) si parla di “investimento previsto per l’intervento”.
Siamo a chiedere conferma che per “investimento previsto per l’intervento” si intenda la somma degli interventi previsti nel paragrafo 4 del documento “Aspetti economici e finanziari”, ossia l’importo di € 2.160.646,58.

Risposta
Si conferma.
 

QUESITO 2
Nel documento disciplinare di gara al punto 7.2 “REQUISITI DI CAPACITÀ ECONOMICA E FINANZIARIA” lettere b), il concorrente, ai fini della dimostrazione della capacità economico-finanziaria, deve avere un capitale sociale non inferiore ad un ventesimo dell’investimento previsto per l’intervento. Il requisito può essere dimostrato anche attraverso il patrimonio netto.
Si chiede conferma della possibilità di fare ricorso all’istituto dell’avvalimento per il soddisfacimento del suddetto requisito.

Risposta
Si conferma.
 

QUESITO 3
Nel documento disciplinare di gara al punto 7.3 “REQUISITI DI CAPACITÀ TECNICA E PROFESSIONALE” al punto 3 il concorrente, come previsto dal Cap. 4.2 “requisiti dei candidati”, sotto-capitolo 4.2.1 “diritti umani e condizioni di lavoro”, del D.M. 28/03/2018, deve rispettare i principi di responsabilità sociale assumendo impegni relativi alla conformità a standard sociali minimi e al monitoraggio degli stessi.
Siamo a chiedere conferma che:
  • Il requisito di cui al punto 3 sopra richiamato possa essere provato attraverso la delibera, da parte dell’organo di controllo, di adozione dei modelli organizzativi e gestionali ai sensi del d.lgs. 231/2001, assieme a: presenza della valutazione dei rischi in merito alle condotte di cui all’art. 25-quinquies del d.lgs. 231/2001 e art. 603-bis del codice penale e legge 199/2016; nomina di un organismo di vigilanza, di cui all’art. 6 del d.lgs. 231/2001; conservazione della sua relazione annuale, contenente paragrafi relativi ad audit e controlli in materia di prevenzione dei delitti contro la personalità individuale e intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro (o caporalato).
  • Il requisito di cui al punto 3 sopra richiamato possa essere posseduto almeno dalla mandataria, così come previsto per i punti 1 e 2 del medesimo paragrafo 7.3 del Disciplinare di Gara (certificazione di qualità ISO 9001ed ISO 14001).

Risposta
Si conferma.
 

QUESITO 4
Nel documento disciplinare di gara al punto 7.3.2 “REQUISITI INERENTI L’ESECUSIONE DEI LAVORI” al punto b) il concorrente deve essere in possesso di attestazione di qualificazione SOA, in corso di validità, per la categoria OG11, almeno la classifica I, per progettazione e costruzione.
Premesso che la categoria OG11 (IMPIANTI TECNOLOGICI), riguarda, nei limiti specificati all'articolo 79, comma 16, la fornitura, l'installazione, la gestione e la manutenzione di un insieme di impianti tecnologici tra loro coordinati ed interconnessi funzionalmente, non eseguibili separatamente, di cui alle categorie di opere specializzate individuate con l'acronimo OS 3, OS 28 e OS 30; rilevato che la categoria sopra citata viene richiesta per i lavori su impianti meccanici così come dettagliatamente riportato al paragrafo 4 del documento “Aspetti economici e finanziari”, per un importo complessivo di € 204.723,81 oltre ad € 10.000,00 per oneri per la sicurezza; rilevato altresì che il suddetto importo di € 204.723,81 include:
  • gran parte dell’importo totale pari a € 101.761,00 per il rifacimento del controsoffitto lavorazioni ricadenti nella categoria OG1 opere edili civili e industriali
  • la progettazione relativa agli interventi sugli edifici, di cui si chiede qualificazione separata nel paragrafo 7.3.3 DEL Disciplinare di gara REQUISITI INERENTI LA PROGETTAZIONE

 

 
Tutto ciò premesso e rilevato, essendo l’importo delle lavorazioni ricadenti nella categoria OG11 inferiore a € 150.000,00, si chiede di confermare la possibilità di soddisfare il citato requisito mediate ricorso a subappaltatore qualificato, e ciò nell'ambito di un c.d. "subappalto qualificatorio".

Risposta
La sentenza n. 2322/2018 della Sezione Quarta del TAR Lombardia, riprendendo il contenuto dell’art. 28, comma 1, ultimo capoverso, del d.lgs. 50/2016, che si riferisce sia agli appalti che alle concessioni, afferma che: “… deve, sul punto, richiamarsi l’ormai costante orientamento della giurisprudenza amministrativa, per il quale: “l’operatore economico, che partecipa alla gara pubblica indetta per l’affidamento di un contratto misto, deve possedere i requisiti di qualificazione e capacità prescritti dal codice per ciascuna prestazione di lavori, servizi, forniture prevista dal contratto” (Cons. Stato, sez. III, 10 dicembre 2013, n. 5917)”.
Il TAR prosegue affermando che: “i requisiti di qualificazione e capacità prescritti dal Codice dei Contratti pubblici per ciascuna prestazione di lavori, servizi e forniture contemplata nel contratto devono essere
posseduti da ciascun concorrente o in proprio o mediante il ricorso all’istituto dell’associazione temporanea d’impresa con un soggetto che a sua volta li possiede, o dell’avvalimento. Non è ammesso, invece, il ricorso al subappalto
, atteso che i requisiti di qualificazione devono essere posseduti, come detto, dal concorrente al momento della presentazione dell’offerta, per evidenti finalità di garanzia nei confronti delle stazioni appaltanti”.

Pertanto non è ammesso il ricorso al subappalto “qualificatorio”.
 

QUESITO 5
Solitamente, lo spazio in Sintel per caricare tutta la proposta è di 100 mega. Premesso che il bando di gara richiede numerosi elaborati grafici, planimetrie, relazioni, tabelle, calcoli illuminotecnici, dichiarazioni di conformità e rispetto normativo/cam, che sicuramente, visto la corposità degli impianti e l’estensione del territorio, comporterà lo sforamento dei 100 Mb disponibili.
Siamo a chiedere un aumento dello spazio disponibile o in alternativa un ulteriore canale per l’invio dell’offerta.

Risposta
Per consentire l’inserimento dell’offerta di gara, con particolare riferimento all’offerta tecnica (comprensiva degli elaborati del progetto definitivo e degli altri elaborati richiesti all’art. 16 del disciplinare di gara), al fine di ampliare lo spazio disponibile fino a 200 Mb e per un tempo limitato di 2 ore sulla piattaforma di eprocurement Sintel, si rende necessario da parte dell’operatore economico concorrente effettuare richiesta da far pervenire alla stazione appaltante, attraverso la funzionalità “Comunicazioni procedura” presente sulla piattaforma Sintel nell’interfaccia “Dettaglio”, entro le 48 ore antecedenti l’inserimento dell’offerta in piattaforma. La suddetta documentazione dovrà indicare puntualmente il giorno e l’ora di avvio caricamento dell’offerta.
 

QUESITO 6
Alla luce di quanto da ultimo precisato da codesta Stazione Appaltante in ordine alla non utilizzabilità dello strumento del c.d. “subappalto qualificatorio” con riferimento al requisito previsto dal punto 7.3.2 lett. b) del Disciplinare di gara, si chiede conferma che … possa, in vista della partecipazione alla procedura di gara in oggetto, associare a sé … soggetti incaricati dell’esecuzione delle sole prestazioni appartenenti alla categoria OG11 e a tal fine in possesso di adeguata qualificazione … (omissis)”.

Risposta
Si conferma la possibilità di soddisfare il requisito mediante il ricorso all’istituto dell’associazione temporanea d’impresa.