Per il 2019-20 5A e 5C alle medie Mazzini


Per il solo anno scolastico 2019-2020 le sezioni A e C della quinta elementare Mazzini saranno spostate alle medie dello stesso Istituto Comprensivo “Rita Levi Montalcini”. A stabilirlo la deliberazione del Consiglio d’Istituto riunitosi a metà luglio in cui è stato evidenziato come la Scuola primaria abbia da tempo la necessità di spazi per poter garantire una didattica inclusiva.

Lo spostamento delle due sezioni della Primaria “Grazia Deledda” alla Secondaria di primo grado “Leonardo da Vinci” è infatti solo una delle ipotesi vagliate, nel rispetto dell’autonomia scolastica, con l’Amministrazione comunale proprietaria degli edifici statali. Luogo di approfondimento il “Tavolo Scuola”, organo di confronto e dialogo tra il Comune e i rappresentanti degli Istituti comprensivi cittadini per la gestione armonica di materne, elementari e medie di uno stesso territorio.

La prima delle ipotesi analizzata prevedeva di spostare la biblioteca delle elementari Mazzini nell’obsoleta aula di informatica e di avviare dei lavori di adeguamento per rendere tale spazio fruibile. Tale soluzione è stata però scartata per la provvisorietà di lavori non funzionali a quelli definitivi già in programma su più parti dell’edificio scolastico.

Alternativamente si è cercato al di fuori della Scuola primaria di via Mazzini spazi adeguati allo spostamento di tutte e quattro le classi quinte, ma i sopralluoghi all’Oratorio San Carlo e all’Oratorio San Luigi hanno evidenziato che locali e accessi non rispondevano ai parametri di legge non lasciando scelte concretamente praticabili.

Si è allora pensato, sempre nel tentativo di spostare in blocco tutte e quattro le quinte elementari, al recupero delle aule da tempo utilizzate dall’Accademia Formativa Martesana all’interno della Scuola Secondaria di primo grado. Un comodato in essere non rende immediata la restituzione degli spazi sotto il blocco della presidenza che, in ogni caso, avrebbero bisogno interventi e certificazioni per l’agibilità necessari a un nuovo utilizzo. L’Amministrazione comunale ha però deciso di aprire parallelamente un tavolo specifico tra Istituto Comprensivo e Accademia che, alla luce della documentazione giuridica e uno studio di suddivisione, possa risolvere la convivenza.

Un’altra strada, valutata troppo onerosa, prevedeva il recupero di parte del contiguo Auditorium di via Roma, attualmente in uso all’ASD Olimpia, da destinare ad uso esclusivo della scuola.

Infine si è proposto di recuperare i due laboratori del piano interrato della Scuola secondaria di primo grado e di spostarvi solo due classi quinte, quelle le cui insegnanti avrebbero maggiormente gradito la vicinanza agli attrezzati laboratori d’informatica e di musica.

Scelta quest’ultima ipotesi, dopo il sopralluogo di giovedì 25 luglio, gli uffici comunali sono al lavoro per garantire ai ragazzi e alle loro famiglie tutti i servizi comunali: pre e post scuola, trasporto scolastico, piedibus e mensa.

«Nell’ottica di restituire spazi necessari alla scuola – ha dichiarato il Vicesindaco e Assessore all’Istruzione Ilaria Scaccabarozziil mio impegno e quello dell’Amministrazione Comunale è di aumentare le competenze del “Tavolo scuola” e le sinergie con il Comune attraverso una programmazione che permetta di  dare corpo a una progettazione sull’utilizzo degli spazi che sostenga concretamente tutte le necessità scolastiche e garantisca i processi di inclusione nell’attività didattica».