Il 10 luglio Gorgonzola commemora Beatrice Papetti


Nella notte tra il 9 e il 10 luglio 2013, a Gorgonzola, Beatrice Papetti, 16 anni ancora da compiere, veniva travolta sulla ex SS11 da un´auto pirata. Il suo investitore si costituirà alcuni giorni dopo. La comunità cittadina e non solo, dato che il tragico caso ha avuto risonanza nazionale, si era stretta attorno ai familiari straziati dal dolore.

A un anno di distanza la Città di Gorgonzola vuole ricordare Beatrice, la sua giovane vita spezzata, lanciando contemporaneamente un invito a rispettare il codice stradale e le norme di sicurezza, perché essere alla guida di un mezzo è anche e soprattutto una responsabilità. L´occasione, infatti, riunirà nel comune ricordo tutti i giovani che hanno recentemente perso la vita sulla strada.

«Sulle nostre strade in questi mesi ­ - spiega il sindaco di Gorgonzola, Angelo Stucchi - ­ molti giovani cittadini hanno tragicamente perso la loro vita. Basta giovani morti; per favore non correte più, vi amiamo troppo per perdervi. Basta con comportamenti che mettono a rischio la vita delle persone. Basta pensare che niente possa accadere quando si violano le condizioni di sicurezza. È tempo di cambiare. Sono fermamente convinto che solo un´alleanza di persone, tra persone e istituzioni, tra imprese e persone che vivono in un territorio, potranno creare le basi per porre fine a comportamenti che conduco a tragiche morti».

In questo obiettivo all´Amministrazione Comunale si affianca il Gruppo Cogeser, multiutility per i servizi energetici, che ha deciso di dedicare una campagna informativa, tramite manifesti e pagine pubblicitarie, proprio al tema della guida sicura.

«Durante l´incontro organizzato qui a Gorgonzola da Cogeser sulla Responsabilità sociale d´impresa ­ - continua il primo cittadino - ­ avevo chiesto loro, visto il grande numero di contatti che questa azienda ha con le persone che vivono in questo territorio, di impegnarsi per una campagna informativa sulla sicurezza stradale. Ringrazio Cogeser che accogliendo questa proposta e amplificandola come ben sa fare, ci mostra che oggi è possibile fare impresa anche assumendo una responsabilità collettiva. Sì, non solo l´impresa deve essere etica, ma deve esserlo all´interno di un territorio. Cogeser con questa sua nuova iniziativa dimostra questa sua sensibilità».

«Siamo da sempre coinvolti nella vita del territorio in cui operiamo - ­ dichiara Giuseppe Chiarandà, Amministratore Unico del Gruppo COGESER ­ - sostenendo eventi culturali e di aggregazione. La nostra responsabilità sociale deve però farsi partecipe anche di questi momenti tristi della nostra comunità; e qui, su invito del sindaco di Gorgonzola, ci è parso che il nostro compito potesse essere quello di utilizzare i canali di comunicazione, per veicolare un messaggio di invito alla guida prudente e responsabile, messaggio indirizzato soprattutto ai giovani. Ci auguriamo che la nostra iniziativa possa contribuire in qualche misura a rendere più responsabili i cittadini alla guida nella nostra Martesana».

Appuntamento a giovedì 10 luglio alle ore 19,30 presso l´Oratorio San Luigi (via Matteotti 30). Da qui, con palloncini e lanterne luminose, ci si recherà in chiesa S.S. Protaso e Gervaso per la S. Messa. Al termine, concerto dell´Orchestra giovanile Crescendo presso il Parco Sola Cabiati e lancio nel cielo di palloncini e lanterne.

ALLEGATI