Fieri di Santa Caterina


Una Fiera mai stata così grande con un´area di 18.100 metri quadri di cui 4.846 occupati da 216 bancarelle e 11 venditori di palloncini, caldarroste o frutta secca nel fine settimana del 26-27 novembre. Il bel tempo e il clima mite hanno favorito la partecipazione dei cittadini e di tanti abitanti della Martesana che, con una presenza stimata nell´ordine delle 90.000 persone, hanno visitato la 232esima Fiera di Santa Caterina e partecipato alle iniziative e agli eventi messi in campo per la tradizionale manifestazione della città.

D´effetto e molto apprezzata l´illuminazione del tratto centrale cittadino del Naviglio Martesana, "La via romantica di Gorgonzola", inaugurata l´ultima sera del Fuorifiera che, penalizzato dalla pioggia, ha proposto teatro, letture e concerti tutte le sere della settimana antecedente il week-end nel Pala TeVi, tensostruttura riscaldata in piazza della Repubblica.

Ad aggiudicarsi la prima edizione dell´Aperitivo di Santa Caterina, con un cocktail a base di assenzio, Absolut Vodka, succo di limone, zucchero e servito con stuzzichini, il locale ‘La stazionetta´ con 390 punti premiato con targa e coppa offerte dall´Associazione Commercianti.

Entusiasmante la finale della kermesse canora "Voci di Moda" con il CineTeatro Sala Argentia gremito. Tra esibizioni delle scuole di ballo e 7 sfilate realizzate con il contributo di 12 sponsor, tra i 10 finalisti del talent musicale è stata Veronica Matarazzo ad aggiudicarsi il concorso. Lei, Nicole Del Prete e Samuele Meazzi parteciperanno alla finalissima del concorso il prossimo 5 febbraio a Cassano d´Adda.

Molto gradite le mostre ospitate a Palazzo Pirola, dai Fotoracconti al Tombolo, passando per l´angolo della memoria della Fiera grazie alla proiezione del filmato con gli scatti delle edizioni più lontane a cura di Guglielmo Zagato.

Commercianti di via Colombo e via Marconi contenti dell´inclusione nel percorso fieristico, ma la popolazione ha risposto molto bene anche ai progetti di solidarietà sia per la lotteria che ha messo in palio la scultura di cioccolato con proventi per la Caritas cittadina, sia il progetto "Panificatori in Comune" con la collaborazione dei ragazzi dell´Accademia Formativa Martesana che ha permesso di devolvere l´incasso a ‘Tondonasorosso´ e ‘Gli altri clown´ impegnati a portare un sorriso nei reparti pediatrici.

È stata anche una fiera 2.0 grazie all´innovazione digitale portata dall´App "Fieri della Fiera", scaricata da ben 600 utenti e che ha permesso, non solo di poter consultare il programma con aggiornamenti in diretta, ma anche di interagire nella votazione del miglior aperitivo di Santa Caterina e nella ‘Grande Caccia´ al tesoro. La competizione, tutta virtuale grazie a 50 quesiti tramite QR code sparsi in luoghi, stand associativi, ha riportato in gara i tradizionali rioni tramite la sottoscrizione degli utenti online; vincitore il rione Polare con 453 punti.

Le attrazioni che più hanno emozionato il pubblico sono state quelle messe in campo nel Polo Agricolo presso il giardino dell´ex Villa Serbelloni in collaborazione con l´Ufficio Diritti Animali. A partire da asini e conigli portati da Ellepikappa Cooperativa Sociale Onlus che hanno fatto avvicinare grandi e piccini agli animali che vivono allo stato brado tramite attività semplici e coinvolgenti e ai laboratori artistico-ambientali. La Vecchia Fattoria Lombarda l´ha fatta da padrone con i carri che riproponevano uno spaccato della vita contadina tramite le costruzioni di una vera cascina e gli animali lasciati liberi di razzolare e pascolare nell´area verde.

«Il bilancio non può che essere positivo ­ - conclude il presidente dell´Ente Fiera Paolo Biraghi - ­ ma proprio perché frutto di un lavoro in collaborazione tra cittadini, associazioni e commercianti. La prospettiva è di migliorarsi nel 2017 e spero che tutti, partecipanti, organizzatori e non, abbiano potuto sperimentare che quando si è fieri di qualcosa, non si possono fare che cose belle».