Emeroteca e autoprestito in biblioteca


«Abbiamo investito molto sulla Biblioteca in questo periodo - spiega l´assessore Nicola Basile - a partire dall´integrazione nel personale della figura di una direttrice bibliotecaria, per poi lavorare insieme all´ampliamento e alla nascita di CUBI (Culture Biblioteche in rete) ­ associazione tra il Sistema Bibliotecario Milano Est e il Sistema Bibliotecario Vimercatese. Infine in queste settimane stiamo lanciando nuovi servizi come l´autoprestito e l´emeroteca».

Collocata nella sala winter garden a piano terra, la sezione quotidiani e periodici della Biblioteca Civica "Franco Galato" offre la possibilità di consultare direttamente e liberamente 25 periodici tra quotidiani settimanali e riviste dedicate agli argomenti più vari: Corriere della Sera, Il Giorno, Gazzetta dello Sport, Radar, Gazzetta della Martesana, Panorama, Espresso, Famiglia cristiana, Internazionale, Donna moderna, Bell´Italia, Bell´Europa, Meridiani, Meridiani montagne, Gardenia, La cucina Italiana, Salute naturale, Ok la salute prima di tutto, Focus, Speak Up, Casa facile, Mucchio, Ciak e Meteweekend.

Il prestito, per quattordici giorni senza rinnovo, è consentito per tutte le riviste presenti in emeroteca per un massimo di cinque a volta, escluso l´ultimo numero che rimane solo in consultazione. Lo spazio si presta inoltre gratuitamente per leggere, studiare sui propri testi, navigare in Internet con il proprio computer senza alcuna formalità o iscrizione al sistema bibliotecario.

A un anno esatto dalla nascita di CUBI, lo scorso 1 marzo è stato attivato a Gorgonzola il RFId Radio Frequency Identification. Si tratta di un sistema che permette l´identificazione automatica di libri e utenti grazie al lavori di etichettatura con codici a barre dei volumi e alla consegna all´utenza della nuova tessera CUBI dotata di microchip; il servizio di prestito velocizza i tempi di attesa al banco, azzera le possibilità di errore e ha inoltre introdotto l´antitaccheggio.

«In circa tre mesi - spiega Monica Catellani, bibliotecaria responsabile della civica biblioteca "Franco Galato" - si è provveduto ad associare il microchip ad oltre 40.000 volumi dei 70.000 presenti e a poche settimane dall´avvio il banco prestito era già in grado di prestare e far rientrare i volumi con questa nuova tecnologia. Dal 1 marzo gli utenti hanno potuto sperimentare la postazione di auto prestito self-check grazie alle istruzioni di funzionamento semplici e immediate dati dal personale bibliotecario. La risposta è stata sin dall´inizio molto positiva e il cambiamento è stato percepito dall´utenza in un´ottica di miglioramento e semplificazione del servizio bibliotecario stesso».

«Paradossalmente, in questa situazione che potremmo definire "automatizzata", - continua Monica Catellani - la qualità della relazione con gli utenti non solo non ne risente, ma migliora: come bibliotecari, siamo meno impegnati nella gestione ‘meccanica´ del prestito e possiamo dedicare più tempo al reference».

Nel primo mese di sperimentazione sono stati prestati 539 volumi presso la postazione self e ad aprile è stata inoltre avviata la sperimentazione anche per quanto riguarda la restituzione, utilizzata in pochi giorni per ben 349 volumi. La previsione è che il nuovo sistema del self check riuscirà a coprire all´incirca il 30% dei prestiti.

«Come Pubblica amministrazione - conclude l´assessore - siamo molto contenti dei risultati che si stanno raggiungendo e non possiamo che ringraziare l´intero staff di lavoro che rende, la Biblioteca civica "Franco Galato", uno dei luoghi più accoglienti della nostra città dove accedere a servizi ed esperienze che offrano all´intera cittadinanza la possibilità di approfondire le proprie passioni e sperimentarne di nuove».