Buona Pasqua


Pèsah/Pasqua è voce del verbo ebraico "pèsah", passare.
Una festa di passaggi, verso un´altra terra, verso nuove libertà.
Se mi guardo attorno questa festa rappresenta una contraddizione: oggi costruiamo muri e sbarramenti, anche nei nostri cuori, per impedire il passaggio e le nostre paure svuotano la poca energia necessaria per il cammino.

Pasqua/pèsah e non partire mai.

Possiamo vivere inciampando e restando fermi?
Possiamo vivere rialzando frontiere e chiudendoci dentro logiche nazionalistiche per proteggerci da chi fa della violenza e perpetua stragi di innocenti il suo strumento per costruire la società del futuro?

Domande che devono trovare una risposta, che non possono essere più rimandate.

Pasqua/pèsah è passare dal buio del dolore alla luce della gioia e della fraternità.
Pasqua/pèsah per me credente è ricordare un altro passaggio: l´amore che vince la morte.

Voglio affidarmi a questi bellissimi versetti di Isaia 21: "Sentinella, quanto resta della notte?"
Una frase che sembrerà decontestualizzata e messa lì in questi auguri pasquali come una delle tante pietre che su un sentiero obbligano alla vigilanza per non inciampare.
Isaia racconta di un uomo che di notte passa sotto le mura di una città dell´Oriente e si rivolge per due volte alla sentinella che fa la guardia sulle mura per sapere quanto tempo manca al nascere di un nuovo giorno.
"Sentinella, quanto resta della notte?".
E quella risponde: "Resta poco, perché le prime luci dell´alba stanno già indorando l´orizzonte".

Nonostante gli attacchi dei terroristi e le loro bombe, nonostante tutto questo sangue innocente, al mondo che resta a terra prostrato dal dolore dovremmo anche noi dire: "Coraggio, resta poco della notte!"

Tutto può essere riscattato perché l´amore ha vinto l´odio e l´inimicizia; anche se quello che ci sta attorno appare deludente e scoraggiante e ci fa restare fermi o ci porta verso l´odio e la violenza.
Perché noi uomini siamo nati per la libertà, perché noi vogliamo restare umani.

Buona Pasqua.


Angelo Stucchi
Sindaco di Gorgonzola