Al via il progetto ‘Martesana, terra d´acqua e di delizie’


Protagonisti Gorgonzola e altri sei Comuni che si affacciano sul naviglio
Il progetto prevede iniziative e interventi integrati per la valorizzazione
del patrimonio storico-artistico e ambientale dell´area Martesana


Viene presentato oggi, 3 febbraio 2011, presso la sala consigliare del Comune di Vimodrone ‘Martesana, terra d´acqua e di delizie’, un progetto promosso dal Comune di Vimodrone in partnership con la nostra Amministrazione e quelle di Bellinzago Lombardo, Bussero, Cassina de Pecchi, Cernusco sul Naviglio e Inzago, che è stato co-finanziato dalla Fondazione Cariplo.

Il progetto, che si basa sull´analisi delle potenzialità artistico-culturali e ambientali di un´area fortemente caratterizzata che si allunga lungo il percorso del naviglio Martesana, si pone come obiettivi prioritari quelli della valorizzazione dell´identità territoriale, anche attraverso lo sviluppo di una vocazione potenziale quale luogo di ‘benessere sostenibile’, della creazione del Distretto culturale della Martesana e del rafforzamento delle attività di progettazione e di programmazione sovracomunali, tese alla valorizzazione culturale e turistica territorio.

Il programma di iniziative e di interventi integrati per la valorizzazione del patrimonio storico-artistico e ambientale dei sette Comuni rivieraschi del naviglio Martesana si svolgerà nell´arco di due anni (2011 e 2012) e prevede un investimento complessivo di oltre  2,2 milioni di euro, di cui 700mila euro ascrivibili al contributo di Fondazione Cariplo. Numeri decisamente forti in un periodo di tagli alle risorse pubbliche, specie sul versante della cultura, testimonianza di uno sforzo, dunque, ancor più significativo. Le diverse iniziative individuate sono state raggruppate in quattro aree d´azione: territorio e benessere sostenibile (prevede attività di progettazione partecipata e tavoli di lavoro intercomunali), cultura (interventi di ristrutturazione e restauro conservativo presso Villa Torri di Vimodrone, Palazzo Pirola e la ruota del Mulino di Gorgonzola, installazioni di arte urbana lungo l´asta del naviglio), turismo (sviluppo di un sistema di bikesharing intermodale con la realizzazione di bici-stazioni e creazione di punti informativi) e azioni di sistema (logo, segnaletica, percorsi turistici, materiali e condivisione di conoscenze del patrimonio storico-culturale del territorio.
 
«Sono felice - dichiara il vicesindaco e assessore alla Cultura Matteo Pedercini - perché, per l´ennesima volta, la nostra città vive e struttura eventi e azioni in comunione con altre Amministrazioni e altre realtà. Non si tratta soltanto di reperire fondi, atto per altro assai importante soprattutto in questi periodi di grosse difficoltà per i bilanci degli Enti Locali. Collaborare vuol dire sfruttare le differenti peculiarità e possibilità, cercando quella programmazione sovracomunale che ci rende, insomma, un po´ più cittadini del mondo e un po´ meno paesani».

ALLEGATI