Riqualificazione M2: avvio dei lavori di rinnovo dei binari


Istituito il tavolo di lavoro tra Comune e ATM per limitare i disagi

 

Sono partiti lunedì 11 ottobre 2021 i lavori per il rinnovo dei binari e dell’infrastruttura ferroviaria della M2, in particolare nelle tratte Cascina Gobba-Gessate e Cascina Gobba-Cologno Nord.
Fino al 31 marzo 2022, la prima fase dei lavori interesserà la tratta tra Villa Fiorita e Gessate con bus sostitutivi a partire dalle 22.00 nelle stazioni coinvolte.

A darne comunicazione è stata la stessa ATM in un incontro con l’Amministrazione comunale gorgonzolese maggiormente coinvolta per la presenza del deposito all’interno del tessuto urbano residenziale.

Si tratta di interventi finanziati dal Ministero dei Trasporti con un investimento di 140 milioni di euro nell'ambito del progetto di riqualificazione di tutta la linea all’aperto per la durata di due anni.

«La sostituzione dell’infrastruttura – ha scritto in una nota l'Azienda trasporti milanesi – è necessaria in quanto si tratta di binari datati che è indispensabile rinnovare: la M2 infatti è tra le linee più storiche della rete milanese, inaugurata nel 1969».

Saranno circa 20 i km di binari oggetto di cantiere con la sostituzione della sovrastruttura ferroviaria, composta da pietrisco, traverse e rotaie, con materiali più performanti. Per limitare i disagi i lavori si svolgeranno prevalentemente di notte con interventi riguardanti tratti dai 50 ai 100 metri.
Saranno impiegati 27 mezzi, tra macchine operatrici e carri per il trasporto del materiale nuovo e vecchio, e 40 persone lungo la linea per il rinnovo dell’infrastruttura e nei depositi di Gorgonzola e Gessate per la predisposizione diurna del necessario.

«Apprezziamo il grande investimento che ATM sta facendo per migliorare la mobilità urbana – ha dichiarato il sindaco Angelo Stucchi – e riteniamo necessari questi lavori perché contribuiranno a diminuire il rumore e le vibrazioni al passaggio dei treni».

L’Amministrazione comunale ha subito attivato un tavolo di lavoro con ATM, incontrando il direttore generale dott. Arrigo Giana, per avviare le azioni di controllo e monitoraggio, previste dalla mozione votata all’unanimità dal Consiglio comunale nel maggio 2019, che impegnano il sindaco e la giunta a supervisionare attività temporanee e/o cantieri per contenere al massimo i disagi.

Le prime ipotesi di lavoro riguardano la localizzazione dell’area di cantiere il più lontano possibile dall'abitato e la possibilità di utilizzare delle barriere anti rumore lungo il perimetro del deposito mettendo a disposizione di ATM anche la fascia di terreno di proprietà comunale.

«Gli aspetti tecnici di un cantiere così lungo – conclude il primo cittadino – ci impongono di lavorare per limitare i disagi a tutela della salute dei residenti. Il Comune di Gorgonzola si farà promotore con tutti i sindaci dei comuni coinvolti dai lavori sull’asta M2 per costituire un’unica interfaccia che coordini l’intervento».
 

Qui maggiori informazioni su orari e fermate dei bus sostitutivi