Linee guida ISEE per servizi scolastici


L’ISEE, ovvero l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente, costituisce il principale strumento d’accesso a determinati bonus o prestazioni sociali agevolate. È una “fotografia” economica di tutto il nucleo familiare che deve corrispondere, necessariamente, a quello dell’anagrafe del proprio Comune di residenza.

Il reddito ISEE ha validità di un anno e scade il 31 dicembre dell’anno nel quale è stato redatto e, se presentato per i servizi scolastici sarà considerato valido fino al finire dell’anno scolastico in corso.

 

Per quali servizi ha valore l’ISEE?

L’attestazione ISEE presentato sarà tenuta in considerazione per tutti i servizi scolastici dove è prevista una agevolazione tariffaria: pre e post scuola, refezione scolastica, trasporto scolastico.
 

Quando va presentata la DSU e la certificazione ISEE?

Per ottenere la riduzione tariffaria di un servizio scolastico – per esempio del costo pasto – prima dell’inizio di ogni anno scolastico va presentata l’attestazione ISEE sulla piattaforma online di Dussmann.
L’attestazione ISEE va presentata dal richiedente l’agevolazione tariffaria OGNI ANNO.

Al momento non è possibile per l’Amministrazione comunale scaricarlo dal sito INPS come da noi precedentemente comunicato.

COME?

Online tramite il portale E-Civis

Scopri il Vademecum E-Civis

 

Quale è la sua validità?

Ha validità dal 1° giorno del mese successivo rispetto alla presentazione al protocollo, fino alla fine dell’anno scolastico.

 

Può essere presentato durante l’anno?

È possibile presentare l’attestazione ISEE durante l’anno scolastico se la stessa non è stata consegnata all’inizio dell’anno scolastico, oppure se ha subito una variazione in più o in meno del 25% dell’indicatore della situazione economica (ISEE minorenni).

COME?

Online tramite il portale E-Civis

Scopri il Vademecum E-Civis
 

Da quando ha effetto per l’ottenimento della riduzione?

L’attestazione ISEE presentate durante l’anno non hanno validità retroattiva ma le riduzioni partiranno dal 1° giorno del mese successivo rispetto alla presentazione al protocollo.
 

Quali controlli effettua l’Amministrazione comunale?

L’Amministrazione comunale effettuerà controlli a campione sulle attestazioni ISEE accedendo a redditi e patrimoni attraverso le banche dati nazionali.
In caso di false dichiarazioni verrà revocata l’agevolazione tariffaria e inviata segnalazione agli organi competenti.
È importante inserire nella sezione dedicata al nucleo familiare del dichiarante tutti i componenti familiari presenti nello stato di famiglia anagrafico del Comune di residenza. Se a seguito di controllo si verifica che il numero dei componenti non coincide con il nucleo familiare anagrafico, il valore ISEE per ottenere la riduzione non potrà essere accettato.