Adeguamento dello Stadio Comunale


«Devo ringraziare i tanti che hanno fatto il bene dell´A.S. Giana Erminio e questa Amministrazione che ci ha dato ragione trovando una soluzione per permetterci di rimanere nel nostro stadio». Queste le parole di Oreste Bamonte, patron della neopromossa in serie C, a una settimana dall´inizio dei lavori di adeguamento dello Stadio Comunale affinché la Giana possa giocare nella ‘sua casa´ le partite di LegaPro.

Lo scorso maggio la giunta ha infatti deliberato favorevolmente una concessione che darà lo stadio di via Milano in gestione e uso alla Giana per i prossimi 12 anni, sostenendo, oltre l´affitto, le spese di adeguamento della struttura esistente al campionato di nuova categoria.

È lo stesso primo cittadino Angelo Stucchi a sottolineare l´importanza dell´impegno assunto dalla società calcistica a fronte di una precisa volontà politica: «L´Amministrazione Comunale ha ritenuto fondamentale offrire la possibilità alla società di continuare a giocare nella stadio cittadino ed essere un elemento di attrazione e coinvolgimento per i giovani che vogliono avvicinarsi allo sport. Gorgonzola è grata al presidente Bamonte perché rende evidente quello che definirei una responsabilità sociale dello sport per fare fronte alla crisi. In un momento difficile, quando i sogni sembrano irrealizzabili e le risorse economiche scarse, c´è chi si assume una responsabilità e mette in gioco tutto se stesso perché sa che ognuno deve fare la sua parte».

«La Giana è un´istituzione per la Città di Gorgonzola ­ replica Bamonte ­ e io come cittadino e presidente innamorato di questa società e di questa città, dalle cui Pubbliche amministrazioni ho sempre ricevuto risposte positive,  ho sentito il dovere di impegnarmi in prima persona».

Una responsabilità nata e crescita dentro e fuori dal campo, quella dell´imprenditore, con il fondamentale contributo della tifoseria. «Il calcio ­ spiega Bamonte ­ è una questione di cuore: vedere i genitori che portano i propri figli allo stadio per seguire appassionatamente la squadra del loro territorio, mi fa rivivere le stesse emozioni e mi ripaga di tutte le fatiche. Per non parlare dei tifosi, che hanno risposto ai sacrifici in maniera entusiasmante, facendoci loro sentire importanti».

Lo spirito di squadra ha inoltre caratterizzato l´impegno della società sportiva e della Pubblica amministrazione nel far fronte alle problematiche sorte nel percorso di redazione di questa concessione: «Mai ­ assicura il sindaco Stucchi ­ è stata messa in discussione la volontà di entrambe le parti di far giocare in questo stadio la Giana. Si è subito lavorato a più mani evitando di rispondere su assenze o divergenze, perché il poco tempo a disposizione ci vedeva concentrati sulla documentazione da presentare per assicurare l´iscrizione al campionato di LegaPro».

I lavori di adeguamento ­ che prevedono come prioritari la creazione di spazi di servizio (per infermeria, anti-doping, ecc.), la tribuna ospiti da 800 posti e la recinzione ­ inizieranno dalla demolizione dell´esistente non più fruibile nel nuovo progetto, a cui seguiranno costruzione dei nuovi impianti, tempi e prove tecniche di collaudo.

Progetto preliminare Stadio Comunale

«Questa concessione ­ continua Stucchi ­ ci permette di potenziare e ampliare la struttura esistente dando, anche se non nell´immediato, un degno scenario alla nostra squadra». La Giana inizierà infatti a giocare il campionato 2014/2015 allo stadio Brianteo di Monza per le tempistiche lunghe e necessarie a un´opera così importante che guarda al futuro. «Chiedo scusa ai cittadini per questo inevitabile ritardo ­ spiega Bamonte ­ ma sono sicuro che il nuovo stadio sarà un gioiello per la Martesana e un monumento per la Città di Gorgonzola: qualcosa di bellissimo per tutti i cittadini e per le generazioni future».

«L´accordo tra A.S. Giana Erminio e l´Amministrazione gorgonzolese ­ conclude l´assessore Nicola Basile ­ rappresenta un´occasione per tutta la Città e, proprio per questo motivo, abbiamo attivato dei percorsi che accompagneranno il territorio a rispondervi al meglio chiedendo, in questa direzione, l´impegno Commissione Sport e Cultura. Obiettivi: valorizzare socialmente l´esperienza calcistica della Giana e coinvolgere collaborativamente i commercianti nell´accoglienza delle tifoserie che frequenteranno la nostra città durante gli incontri casalinghi».