Cordoglio per la scomparsa della moglie del consigliere Baldi


La tua sposa, la tua mamma.
Due modi di amare e di essere amati, ma la stessa mano da stringere per camminare insieme nella vita.

Tanti passi di gioia, di dolcezza, di responsabilità, passi di dolore.
Un ultimo tratto di cammino che non si voleva vivere perché alla sua fine, questa mano forte e sicura ci avrebbe lasciato.
Non ora, non adesso, non siamo ancora pronti.
Abbiamo ancora tanto da fare insieme, c´è ancora tanto amore da vivere.

Continuiamo a stringerla questa mano anche se è bagnata dalle lacrime, quelle di un marito, quelle di una figlia, quelle di una città.
Ci chiediamo cos´è il per sempre che ci siamo promessi quando oggi tutto finisce, cos´è questo dolore che ci avvolge di buio?

Nella paura di guardare avanti verso il tempo che verrà, il nostro sguardo si volge indietro e così ci accorgiamo di quanto ci hai insegnato, di cosa significa vivere, di un affetto teneramente coltivato, del tuo impeto, della tua voce.
Quanto è grande l´amore, di quanta forza è capace l´amore.
Annalisa, del tempo vissuto con Walter ed Emma tenendovi per mano gustando la semplicità ed autenticità della vita, rimane da oggi e per sempre nei vostri cuori l´amore.

Le lacrime di queste ore bagneranno nuovi germogli segni del tuo amore che continua. Cresceranno e daranno frutti grandi. Queste tenebre verranno squarciate dalla forza dei tuoi insegnamenti che le tue mani solerti e dolci di madre e di sposa, hanno pazientemente impastato in loro.
Annalisa, la memoria viva della tua vita, custodita nel loro cuore forte e resistente porterà cose buone per loro e per questa città.

Sì Annalisa, sarai sempre nei loro cuori, sarai sempre nei passi di questa città.
Una carezza a Walter e a Emma.


Angelo Stucchi
Sindaco di Gorgonzola