Le prime tracce

Buona parte della nascita e dello sviluppo dei centri abitati nell´area milanese va fatta coincidere con il propagarsi del Cristianesimo, che con i suoi profondi legami religiosi e civili ha reso possibile la formazione di insediamenti stabili e solidali tra le popolazioni native e immigrate. Tra questi centri vi è anche Gorgonzola.

Già prima dell´anno Mille, alla metà del X secolo, ci sono tracce del nome "Gorgontiola" all´interno del monastero di S. Ambrogio in Milano: il notaio chierico del convento sarebbe stato il custode della chiesa dei Santi Gervasio e Protasio in Gorgonzola. Già all´epoca il nome complesso e ostico alla pronuncia di Gorgonzola compariva nelle carte, a riprova dell'antichità del nome stesso, così come venivano indicati già alla fine del primo millennio i due santi a cui la pieve di Gorgonzola era consacrata: San Protaso e San Gervaso, appunto.

Gorgonzola è posta lungo l´antica strada romana per Aquileia, divenuta poi la Postale veneta. Sull´origine del nome esistono varie ipotesi quasi tutte verosimili, ma nessuna che si possa assumere come definitiva. I documenti certi sono, per ora, del 953 quando un Ambrogio notaio è detto chierico e custode della Chiesa di san Protaso in Gorgontiola; va aggiunto il contratto rilevato dallo storico Giulini che, nel 970, parla di un chierico Adalberto della chiesa di san Gervaso e Protaso in Gorgontiola. Altri studi ed ipotesi parlano del nome Argentia (nome di una località romana a 14 miglia sulla strada da Milano verso Bergamo, sulla strada che portava i Pellegrini a Gerusalemme) che nei secoli divenne Gorgonzola.

Un dato economico certo: tutte le campagne che stavano attorno alla città di Milano erano considerate il granaio della città anche perché questa zona era ricca di acqua e di risorgive; Gorgonzola rientrava nei fornitori della città per i suoi ortaggi e per il suo foraggio.
Gorgonzola era pure il capo della Pieve Ecclesiastica di una grande zona, arrivava fino a Segrate, ed era l´unica chiesa che aveva il diritto di battezzare, di sposare  e di cresimare tutte le persone che vivevano nella Pieve.
 
Dal punto di vista civile occorre ricordare che Gorgonzola nel 1757, all´epoca di Maria Teresa, fu a capo di 22 comuni retti da due cancellieri; nel 1786 divenne capo del distretto XII; col Regno di Italia fu capoluogo del Cantone IV Distretto III di Monza, Dipartimento dell´Olona ed aveva sotto di sé ben 33 comuni. Con l´Unità di Italia era a capo del XIV Circondario di Milano e si estendeva da Basiano a Vignate.
 
(Fonte: Pro Loco Gorgonzola)