Palazzo Serbelloni e il suo giardino (ora parco Sola Cabiati)

Divenuta nel 1802 Sola Busca è posta a sud del canale; il 1571 riportato su un portale, si riferisce forse alla data di costruzione. Questa villa-palazzo è collegata ad un edificio, posto al di là del naviglio, da un caratteristico ponte di legno.
Il giardino della villa, ora parco pubblico, era all´italiana e nell´ottocento divenne poi  all´inglese: rimane del primitivo giardino la rotonda alimentata dal Martesana.

La torretta del parco ha una struttura quadrata, si articola su quattro piani e tra un piano e l´altro esistono piccole finestre strombate che forniscono una luce minima, per cui la torre risulta sempre in penombra.
Dette finestre richiamano architettonicamente la vecchia torre difensiva medioevale. La struttura muraria termina con un tetto di coppe rosse su cui, fino a pochi anni fa, svettava una banderuola che segnava la direzione del vento. Le scale interne hanno i gradini di pietra ed una ringhiera di ferro battuto ad aste. Curiosità: i gradini sono 125 fino alla cima, gli ultimi 14 sono a chiocciola.
L´ultimo piano della torre è un locale quadrato con finestre per ogni lato, il pavimento è un tipico cotto lombardo.

La torre venne dapprima inglobata da un castello medioevale dell´epoca dei Visconti; nel secolo XVI passò alla nobile casata spagnola dei Serbelloni che lo acquisirono con tutto il paese. Questa dinastia trasformò il castello difensivo in un palazzo gentilizio di città con annesse corti e costruzioni per lo stoccaggio dei prodotti agricoli e per i cavalli da carrozza e da sella. La torre allora perse la sua caratteristica difensiva e divenne un ornamento del palazzo e quindi fu collegata ad esso mediante delle porte, ancora visibili ed usate.
 
(Fonte: Pro Loco Gorgonzola)