Indicatore di tempestività dei pagamenti

In allegato l´indicatore di tempestività dei pagamenti, calcolato così come stabilito dal D.P.C.M. del 22 settembre 2014.


Allegato A
alla deliberazione n. 25 del 6 febbraio 2013

Misure organizzative finalizzate al rispetto della tempestività dei pagamenti da parte delle pubbliche amministrazioni (art. 9 comma 1 lett. a) della Legge 3 agosto 2009 n. 102 e DLgs. n. 192 del 9 novembre 2012).

Misure organizzative relative al rispetto della tempistica finalizzata alla tempestività dei pagamenti a parte dell´Ente, che deve avvenire, di norma, entro 30 giorni dal ricevimento della fattura o in ogni caso, entro 30 giorni dal momento in cui sorge l´obbligazione di pagamento a carico dell´Ente.

1) I responsabili di servizio predispongono la determinazione di impegno di spesa verificando:
a. la disponibilità dello stanziamento di bilancio;
b. la compatibilità dei pagamenti conseguenti all´impegno di spesa da assumere, con le previsioni dei flussi di cassa e con le regole di finanza pubblica vigenti alla data (in
particolare con le regole vigenti del patto di stabilità interno);
2) I responsabili di servizio trasmettono le determinazioni di impegno di spesa al responsabile del servizio finanziario;
3) Il responsabile del servizio finanziario provvede alle verifiche necessarie al fine di poter apporre sulle determinazioni di spesa:
a. il visto di regolarità contabile attestante la copertura finanziaria della spesa, ai sensi dell´ art.151, 4° comma, D.Lgs. 18/08/2000 n. 267;
b. il visto di compatibilità monetaria attestante la compatibilità del pagamento della suddetta spesa con le previsioni dei flussi di cassa e con le regole di finanza pubblica vigenti alla data (in particolare con le regole del patto di stabilità interno, vigenti) ­ ai sensi dell´ art. 9 comma 1 lettera a) punto 2 DL 78/2009;
4) I responsabili di servizio, conseguita l´esecutività del provvedimento di spesa, comunicano al terzo interessato l´impegno e la copertura finanziaria, contestualmente all´ordinazione della prestazione, con l´avvertenza che la successiva fattura deve essere completata con gli estremi della suddetta comunicazione;
5) Il terzo invia la fattura al protocollo dell´Ente;
6) Il protocollo dell´Ente trasmette giornalmente all´ufficio ragioneria le fatture ricevute e protocollate;
7) L´ufficio ragioneria provvede alla registrazione delle fatture nel sistema informatico di contabilità e le trasmette all´ufficio competente per la successiva liquidazione (il tutto deve avvenire entro 7 giorni dal ricevimento);
8) I singoli responsabili di servizio provvedono alla liquidazione della spesa, che deve avvenire, di norma, entro 10 giorni dal ricevimento della fattura dall´ufficio ragioneria.
Nella liquidazione tecnica occorrerà specificare:
• l´avvenuto rilascio del DURC (Documento Unico di Regolarità Contributiva) in corso di validità e con esito regolare. I tempi intercorrenti tra la richiesta del DURC ed il rilascio dello stesso non vengono considerati ai fini del rispetto dei termini di pagamento;
• per i pagamenti superiori a 10.000,00 euro, di aver effettuato le verifiche di cui all´art. 48 ­ bis del Decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602; nel caso si rendesse necessaria la sospensione del pagamento per ulteriori controlli da parte di Equitalia, tale periodo di sospensione non viene considerato ai fini del rispetto dei termini di pagamento.
• l´IBAN del beneficiario, verificando la corrispondenza dello stesso con il conto corrente dedicato comunicato dal beneficiario stesso ai fini della tracciabilità dei pagamenti (ex art. 3 Legge n. 136 del 13 agosto 2010);
• il codice SIOPE;
• il CIG e CUP;
• di aver provveduto alla pubblicazione sul sito internet del Comune dei dati previsti dall´art. 18 del D.L. 83/2012 convertito in Legge 134/2012.
9) I singoli responsabili di servizio provvedono quindi alla trasmissione all´ufficio ragioneria della fattura/nota spesa, completa di liquidazione tecnica debitamente sottoscritta nonché, di tutta
la documentazione giustificativa eventualmente necessaria, entro 15 giorni dal ricevimento della stessa.
10) L´ufficio ragioneria ricevuta la fattura o altro documento liquidato, provvede ai controlli e alle verifiche necessarie alla liquidazione contabile; se il controllo è positivo provvede ad emettere, entro 4 giorni dal ricevimento della fattura liquidata, il mandato di pagamento; in caso contrario restituisce la fattura all´ufficio competente.
11) Il mandato di pagamento viene firmato digitalmente dal responsabile del servizio finanziario, e trasmesso telematicamente al tesoriere per il pagamento, che si limita ad importare i tracciati trovando già caricati tutti gli ordinativi nella propria procedura; i tempi di questa operazione grazie all´implementazione dell´ordinativo informatico firmato digitalmente si sono notevolmente ridotti, il tutto avviene in un giorno. I singoli responsabili dei servizi e il responsabile del sevizio finanziario, ciascuno per la propria competenza, sono assoggettati alla responsabilità disciplinare e amministrativa in caso di violazione dell´obbligo del preventivo accertamento della compatibilità dei pagamenti, nonché del rispetto delle misure organizzative finalizzate a garantire la tempestività dei pagamenti.



Allegato alla  deliberazione 361  del 23 dicembre 2009

Misure organizzative al fine di evitare ritardi dei pagamenti, anche alla luce della recente evoluzione normativa (art. 9 del D.L. n. 78/2009 in tema di tempestività dei pagamenti delle pubbliche amministrazioni)

Al fine di continuare a garantire e possibilmente migliorare ulteriormente la tempestività nei pagamenti dovuti dal Comune di Gorgonzola si formalizza il seguente protocollo operativo, già in effetti realizzato in maniera consuetudinaria ed informale, presso le strutture amministrative del Comune di Gorgonzola.

1) I responsabili di servizio trasmettono con congruo anticipo le determinazioni di impegno di spesa al responsabile del servizio finanziario, verificando, prima dell´ordinativo della spesa, che la relativa determinazione di impegno sia divenuta esecutiva e regolarmente pubblicata.

2) I responsabili di servizio accertano che il programma dei pagamenti conseguenti agli impegni di spesa assunti con le determinazioni sono  compatibili con gli  stanziamenti di bilancio, con le previsioni dei flussi di cassa e con le regole di finanza pubblica vigenti alla data di assunzione degli impegni (in particolare con le regole vigenti del patto di stabilità interno).

3) Il responsabile del servizio finanziario verifica la  compatibilità dei pagamenti con gli stanziamenti di bilancio, con le  previsioni dei flussi di cassa e con le regole di finanza pubblica vigenti  alla data di assunzione degli impegni (in particolare con le regole vigenti del patto di stabilità interno).

4) I singoli responsabili di servizio trasmettono le note spese, le fatture ecc, vistati per la liquidazione nonché gli eventuali ulteriori atti di liquidazione di spesa al responsabile del servizio finanziario, debitamente firmati e completi di tutti gli allegati, con congruo anticipo rispetto la scadenza del pagamento, tenuto conto dei tempi tecnici necessari al settore finanziario per emettere i mandati di pagamento;

5) I singoli responsabili di servizio acquisiscono preventivamente il DURC in corso di validità e con esito regolare.

6) I singoli responsabili di servizio prima della trasmissione al servizio finanziario per l´emissione di mandati di pagamento, per importi superiori a Euro 10.000,00, verificano l´assenza di morosità per somme iscritte a ruolo da parte del soggetto creditore, e, in caso di esito negativo, si rapportano con gli agenti della riscossione per il trasferimento del credito.

7) I singoli responsabili di servizio verificano l´esistenza sulle fatture, note spese, atti di liquidazione delle coordinate IBAN del beneficiario nei mandati di pagamento per l´esecuzione dei bonifici.

8) I singoli responsabili dei servizi e il responsabile del sevizio finanziario, ciascuno per la propria competenza, sono assoggettati alla responsabilità disciplinare e amministrativa in caso di violazione dell´obbligo del preventivo accertamento della compatibilità dei pagamenti


ALLEGATI